La RUOTA dell’ANNO

In molte culture ancestrali europee e in quelle neopagane, è ricorrente lo scandire il tempo secondo la Ruota dell’Anno, che rappresenta il ciclo naturale delle stagioni, con la celebrazione di otto sabbat o sabba.

Alla base c’è l’idea che tutte le cose della natura sono cicliche, compreso lo scorrere del tempo che viene immaginato come una ruota che gira incessantemente. In particolare, lo scorrere delle stagioni si riflette nella nostra vita: nascita, crescita, declino e morte.

Solitamente i sabba si dividono in maggiori e minori.

I quattro sabbat maggiori sono associati con i cicli dell’agricoltura e dell’allevamento; tradizionalmente duravano tre giorni a partire dal tramonto del giorno precedente. 

Essi sono: Samhain, Capodanno, celebrato attorno al 31 ottobre; Imbolc, Festa del ritorno della Luce, celebrato attorno al 2 febbraio; Beltane, Calendimaggio, celebrato attorno al 1º maggio e Lughnasadh, Festa del raccolto, celebrato attorno al 1º agosto. 

I quattro sabba minori sono calcolati in base al ciclo solare e coincidono con i due solstizi e i due equinozi. 

Sono:Yule, celebrato attorno al 21-22 dicembre; Ostara, celebrato attorno al 22-23 marzo; Litha, celebrato attorno al 21-22 giugno e Mabon, celebrato attorno al 22-23 settembre

Iniziamo con il primo sabba maggiore.

Samhain- 31 Ottobre / 1 Novembre

Samhain è il Sabba più importante: rappresenta la fine di una Ruota e il principio di un’altra. 

E’ l’inizio della metà oscura dell’anno e dell’inverno: le ore di luce si accorciano, e l’oscurità porta la terra a riposarsi e ritirarsi, e noi che siamo parte della Natura, facciamo altrettanto, ci raccogliamo in momenti di introspezione, facciamo bilanci sulla Ruota trascorsa e ci prepariamo a quella che verrà.

La morte del Dio che si celebra a Samhain è intesa come speranza di rinascita.

Le tradizioni di questa festività sono legate ai cari defunti e agli antenati, collocando candele e lanterne che indicano il cammino agli Spiriti, condividere con loro il banchetto, e chiedere loro dei messaggi, perché in questo periodo dell’anno il velo tra i due piani di realtà diventa molto sottile.

Pubblicato da ritaliamarinierb

herbalist, phytotherapist and female coach

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: